LUGLIO 2020

“Libro e Parola”

Sulla pagina aperta a sinistra di chi osserva sono distinguibili due lettere dell’alfabeto ebraico che, accostate e lette da destra verso sinistra specificano la parola “Cuore”. Tali lettere sono più precisamente la prima e l’ultima consonante scritta della Torah, raccolta che ricapitola nel Cuore di Dio i cinque Libri Sacri della tradizione religiosa ebraica da trasmettere ai Suoi figli, anche conosciuta dai cristiani con il nome di Pentateuco. Sulla facciata destra è incisa una succinta espressione tratta dalla Sacra Scrittura ed il relativo riferimento biblico.

Sul retro del manufatto, procedendo dal basso verso l’alto e su entrambi i piatti anteriore e posteriore dell’opera, si dipartono due doppie eliche di DNA con i relativi frammenti molecolari di RNA messaggero. Entrambe le spirali hanno origine da un medesimo nucleo stilizzato sulla parte inferiore della costa. Il libro appare nell’insieme del tutto assimilabile ad una cellula vivente.

La Parola di Dio ha creato tutto dal nulla, l’Incarnazione del Verbo ne ha svelato e rivelato il mistero sia pure decisamente incomprensibile e irraggiungibile con la sola ragione umana. Le realtà visibili e invisibili sono entrambe state create in vista dell’Incarnazione pertanto, ogni cosa, è volutamente intesa e viene scolpita sul legno quale decodificazione dell’informazione genica che ha avuto inizio nella Carne e nel Sangue del Redentore. I Suoi angeli, al pari dell’RNA messaggero presente nella cellula-libro, risultano anch’essi individualmente e collettivamente implicati dal Cielo nei processi di sintesi proteica che hanno luogo sulla Terra santa dei viventi. Le componenti minerale, vegetale e animale nonché l’intero universo, le sue galassie ed il loro inesorabile divenire non sono altro che il frutto di tale mirabile realtà fondata sull’Amore Infinito Trinitario di Dio.

CONTATTAMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.