GIUGNO 2020

“Foglie e vita”

La foglia d’ulivo desidera soffermare la riflessione teologica sul passaggio biochimico naturale che si realizza senza sosta, nel mondo vegetale, durante la fase diurna luce-dipendente. In presenza della luce solare la materia inorganica, costituita da anidride carbonica e acqua, viene difatti trasformata in materia organica prodotta sotto forma di carboidrati. Il comunicando, al cospetto luminoso delle specie eucaristiche del Pane e del Vino e, per loro tramite, viene nutrito dai medesimi elementi chimici che compongono sia i carboidrati che l’alcool etilico. Essi sono rappresentati dal carbonio, dall’idrogeno e dall’ossigeno variamente combinati tra loro. Durante la Consacrazione, nel processo di Transustanziazione, tali sostanze divengono il Corpo e il Sangue di Cristo operando il mistico e cruciale passaggio dai regni minerale e vegetale al regno animale; dall’acqua, dal grano e dalla vite all’Agnello pasquale. Tali sostanze divine, transustanziate e assunte dal fedele, saranno da questi assimilate sia fisicamente che spiritualmente. Ogni credente comunicato, sazio ed ebro di Cristo nel corpo e nell’anima, è conseguentemente chiamato a divenire foglia viva adesa ai rami dell’albero della vita, assolvendo ai processi anabolici e catabolici mediati dalla clorofilla e, tralcio unito fermamente al fusto della vite per lasciarsi attraversare in ogni circostanza della sua esistenza dalla linfa vitale del Salvatore.

CONTATTAMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.